Ricerca

Storia di Geshwa Olers, di Fabrizio Valenza

Fantasy italiano e mediterraneo

L’orco italiano

Quando pensiamo all’orco, l’immaginazione va subito a ripescare le immagini che ormai ne abbiamo a disposizione sempre più di frequente, cioè quelle di derivazione nordica o, per lo più, tolkieniana (come quella qui sopra). L’orco italiano è molto diverso. Sebbene poco se ne conosca, qualcosa si può comunque dire.

Continua a leggere “L’orco italiano”

I Santi Benigno e Caro – La forza del santo contro l’ipocrisia del corrotto

A poca distanza dalla chiesetta a loro dedicata, sulle pendici del Monte Baldo a nord di Verona, c’è una piccola grotta, che due santi veronesi utilizzavano come abitazione. Un fatto miracoloso mise a tacere le malelingue.

Qualcuno diceva, infatti, che i due santi uomini si intrattenessero nella grotta con donnacce o, addirittura, che non vivessero secondo retta dottrina. Eppure, i due eremiti furono al centro di un fatto storico, la traslazione delle spoglie di San Zeno, il santo vescovo africano di Verona, e di una o più leggende che da esso ne nacque.

Continua a leggere “I Santi Benigno e Caro – La forza del santo contro l’ipocrisia del corrotto”

Da dove nascono le storie?

È una domanda che fanno spesso agli scrittori: da dove viene l’ispirazione?, da dove nascono le storie?, come ti è venuta questa idea?

Chi immagina una musa ispiratrice nascosta nell’invisibile, pronta a riversare nella mente dell’autore qualcosa di estremamente originale, che mai nessuno ha detto, ebbene, è destinato a rimanere deluso: le storie non sono mai nuove. Esse utilizzano sempre materiale nato millenni fa. Chi lo sa, forse addirittura milioni. Si tratta delle vicende ancestrali, del modo che ha l’essere umano di affrontare l’esistenza, le sue paure. A volte, queste vicende prendono delle direzioni preferenziali, vengono visitate spesso come corridoi già frequentati da visitatori smarriti, come sentieri già battuti da cacciatori che temono di essere braccati.

Continua a leggere “Da dove nascono le storie?”

La fada, chi è costei?

Non va confusa con la più conosciuta “fata”: la fada è una creatura che popola le leggende italiane, in modo particolare di certa parte del Nord Italia, nello specifico della Lessinia (il Masso Verde di Storia di Geshwa Olers). Conosciamola meglio.

A metà strada tra anguane e vivace, le fade sono creature per lo più di sesso femminile – anche se in tempi così moderni non escludiamo di poterne scoprire di sesso maschile – e appaiono solitamente come fanciulle (o fanciulli, ça va sans dire) bellissime e graziose nei modi. A uno sguardo più profondo e attento, non distratto dal sembiante di immediata attrazione, mostrano la schiena concava più che ricurva, braccia e gambe setolose più che pelose, e piedi caprini che le rendono simili, in questo particolare anatomico, all’altra creatura cui spesso si accompagnano, l’orco.

Continua a leggere “La fada, chi è costei?”

Riflessione sugli Elfi – seconda parte

Riprendiamo la nostra riflessione sugli elfi da dove l’avevamo lasciata. Qui potete leggere la prima parte dell’intervento. Buona lettura!

Luce ed elfo. – A livello filosofico la luce è l’elemento simbolico fondamentale. Aristotele diede alla luce la caratteristica di essere il quinto elemento, l’etere, che circonda e comprende l’intero universo degli enti composti dai quattro elementi tradizionali, cioè acqua, terra, aria e fuoco. Per la filosofia neo-platonica, la luce è l’elemento divino per eccellenza, il medio tramite il quale dio si comunica al mondo. Roberto Grossatesta, filosofo e teologo francescano del ‘200, creò una fisica originale basata su una teoria della luce vista come causa e forma prima di ogni realtà corporea e ragione ultima della bellezza del mondo visibile. Queste tre concezioni, tra di loro differenti, sono ugualmente importanti per indagare il significato degli elfi e ciò che essi significano per noi. 

Continua a leggere “Riflessione sugli Elfi – seconda parte”

Riflessione sugli Elfi – Parte prima

Tratti di una storia. – Elfi della Luce, elfi dell’Oscurità ed elfi della Penombra; elfi silvani ed elfi marittimi, folletti, bergfolk e coboldi, goblin ed angeli caduti: gli elfi sono la razza fantastica forse più bistrattata e la variante letteraria più importante di tutta la storia della letteratura.

Nati nella cultura originaria germanica in collegamento con le divinità, in particolare con Thor e con figure semimitiche, come Wieland il Guerriero, di cui si parla nell’Edda di Snorri come del “principe degli elfi”, letterariamente fanno la loro comparsa verso il X secolo dopo Cristo: e sono già designati o come piccoli angeli cacciati dal cielo o come esseri che sono in grado di ammaliare con lo sguardo. 

Continua a leggere “Riflessione sugli Elfi – Parte prima”

Vi leggo la prima pagina

Ciao a tutti.

Oggi vi leggo la prima pagina di Storia di Geshwa Olers, tratta dal Prologo di Il viaggio nel Masso Verde. Siete pronti? Si parte… e perdonatemi: non sono un lettore professionista. A presto!

A proposito, sì, sono anche su TikTok!

Il viaggio nel Masso Verde – 3 pagine

Sapevate che si può leggere Storia di Geshwa Olers in maniera quasi gratuita?

Lo si può fare tramite Kindle unlimited. È sufficiente collegarsi al sito di Amazon (che è questo) e cliccare su “leggi ora” della casellina sulla destra della schermata.

In ogni caso, vi regalo le prime tre pagine, per stuzzicarvi la voglia di fare questo passo e, magari, diffonderne la notizia a chi volete voi. Buona lettura!

Il valore del mito nel fantasy

cosmogoniaL’antropologo Mircea Eliade ha chiarito in modo esemplare come il mito non sia una semplice storiella leggendaria, che viene utilizzata da una popolazione primitiva per spiegare ciò che non riesce a comprendere. Un simile modo di guardare al mito rivela un pregiudizio fortemente illuministico, nella convinzione che esista una cosa chiamata “evoluzione” anche nella storia di un popolo.

Il mito, secondo Eliade, è invece quell’ambito narrativo attraverso il quale si comprendono i perché di una società, i perché dei suoi riti, i perché dei suoi comportamenti. In breve, tramite i miti di riferimento si comprende l’esistenza di un popolo.

Continua a leggere “Il valore del mito nel fantasy”

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑